Orme di Cultura
MENU

Nella serata di sabato 29 aprile 2017, è calato il sipario sulla la terza edizione del premio "MARIO CARERI", concorso letterario riservato a poesie in vernacolo calabrese, con la cerimonia di premiazione dei vincitori presso l'Aula Magna dell'I.C. "Emanuele Terrana" di Ardore.

La cerimonia di premiazione, condotta da Pino Carella, si è svolta in un'Aula Magna gremita. Dopo il consueto saluto del Presidente dell'Associazione Dott.ssa Elisabetta Madaffari, si sono avvicendati il Prof. Renzo Fascì con una relazione sul poeta Annunziato Sorbara, molto apprezzata dal pubblico presente in sala, quindi due dei tre membri della giuria il Prof. Antonio Mediati e il Dott. Gaetano Catalani, il terzo membro Prof. Franco Nicita non era presente, hanno declamato due proprie composizioni. Dopo un breve intermezzo musicale del gruppo "Usanticu", è iniziata la premiazione vera e propria.

Per la sezione giovani, novità del concorso, sono saliti sul podio Elena Dicembre con la poesia "Sentu cuntari" che si aggiudica il primo premio, al secondo posto "A famigghja i’na vota" scritta da Martina Marzano e al terzo posto "Amuri" scritta da Maria Lourdes Marmo.

Per la sezione adulti le poesie "Musica verzi e cieli azzurri" scritta da Franco Blefari che si aggiudica il primo premio, al secondo posto "Vita mia" scritta da Paolo Landrelli e al terzo posto "A bulletta d'a luci" scritta da Bruno Versace.

Musica verzi e cieli azzurri

Veni pa tutti quanti chigliu jornu,
quand’’a vita t’accorgi ca finiu,
e l’omini, si vonnu e si non vonnu,
ndann’a ccettari ‘a volontà di Diu!

Continua...

Vita mia

Ti vitti a stessa notti di jenaru,
chi Cristu sup’a Saolu scindiu
pummu si chjumpi a volontà di Diu;
fu glià chi nesciu nattu bombilaru.
E patrima pe’ preju chiglja notti
sparau vint’unu corpa c’ ‘u ddu bbotti.

Continua...

A bulletta d’a luci

Mastru Cicciu ‘i Precacori
fhiastimava a Santa Cruci
ogni vota chi ‘rrivava
a bulletta di la luci.

Continua...

Sentu cuntari

Sentu cuntari i vecchj di ‘na vota
di la fagiola d’inta a nu pignatu,
di nu vraseri e ‘ntornu tutti a rrota
e di nu muru tuttu affumicatu.

Continua...

A famigghja i’na vota

Undici figghj, nu patri e ‘na mamma,
assèmi a iglj vivìa puru ‘na nonna,
a vita si svolgìa ‘nta ‘na campagna
a undi assemi passavanu li jorna.

Continua...

Amuri

Quandu l'amuri ti chjiama, seguilu,
segui a vuci sua, fallu!
Puru ca a strata sua è chjna i fossi...
Tu segui a vuci sua
e vidi ca nù sonu cchjù soavi non c'è.

Continua...